FORMNEXT 2019

Con più di 850 espositori e più di 34500 visitatori da 99 paesi nel mondo, Formnext 2019 è stato probabilmente l’evento più grande di sempre nel settore della manifattura additiva – o additive manufacturing.

Due padiglioni, di due piani ciascuno, e migliaia di professionisti hanno dato vita ad una quattro-giorni ricca di innovazione ed eventi
Solo pochi trimestri fa, la produzione in serie di componenti metallici stampati in 3D era una rarità nel settore – piuttosto concentrato sulla prototipazione e validazione di processo – ma gradualmente le cose stanno cambiando e sempre più casi guadagnano le prime pagine delle riviste specialistiche. Il settore Aerospaziale sta guidando la scena grazie alla precoce adozione di tecnologie come LPB/DMLS e EMB, ed è un passo avanti rispetto agli altri. Tuttavia, anche il settore Automotive, a lungo messo in dubbio come possibile utilizzatore di tecnologie AM visti i grandi volumi tipicamente in gioco, sta accelerando; l’esempio della BMW MINI JWC è solo l’ultmo tra molti altri. Da notare, inoltre, come lo sviluppo di materiali come il Rame stia rivoluzionando applicazioni come gli scambiatori di calore, tra altre applicazioni automotive.

Mentre la tecnologia LBF/DMLS consolida le sue posizioni, l’introduzione di nuove tecnologie come Metal Jet di HP stanno ulteriormente accelerando l’adozione della stampa 3D per metallo. Grazie ad una consolidata collaborazione con GKN e Volkswagen, il gigante della stampa 3D sta mantenendo gli impegni presi con la roadmap di implementazione: il 2019 è stato l’anno del “cosmetic modeling”, nel 2020 inizieranno ad essere prodotte le prime parti funzionali e dopo il 2021 la piattaforma produttiva sarà finalmente pronta. Questo sarà un grande cambiamento per il mondo dell’additive manufacturing. Solo qualche settimana fa GKN ha prodotto, per la casa automobilistica tedesca, 40.000 parti in sole 4 settimane.

 

Source HP-VW video

 

Appprofittando della presenza di Deloro, nostra consociata, che esponeva a Formnext, siamo riusciti ad avere due giorni pieni di promettenti incontri – incluso quello con Deloro stessa. Il post-processo della parti metalliche, inclusa la rimozione dei supporti, la lucidatura e miglioramento delle superfici, i trattamente terminci come HIP o ancora le soluzioni di coating con materiali altamente resistenti alla corrosione sono tutti temi caldi del settore addditive – e del resto contribuiscono in modo determinante al costo ed alla qualità della produzione, divenendone aspetti chiave.
In questo scenario, le soluzioni industriali per il post-processo stanno diventando una chiave di volta per il successo dell’AM. E’ in questo frangente che le soluzioni di Extrude Hone – AFM, COOLPULSE, TEM – possono offrire un vantaggio competitivo determinante ad aziende e service providers.

Bruno

About Bruno